Elezioni USA: l’asino democratico e l’elefante repubblicano